Idea Imprenditoriale

L´idea imprenditoriale può nascere in tantissimi modi differenti e normalmente è legata anche ad elementi casuali come: esperienze di viaggio, l´osservazione attenta del modo di comportarsi delle persone, l´evoluzione negli stili di vita e dei consumi, un incontro con un conoscente, l´affermazione di una nuova tecnologia .…

E´ pertanto impossibile indicare un percorso efficace e sicuro per la scoperta di una idea valida.

Ciò nonostante è certo che un atteggiamento curioso ed attento verso la realtà economica, la vita quotidiana, l´imitazione delle esperienze altrui e/o l´innovazione di processi consolidati in un ambito lavorativo, facilitano notevolmente l´emersione di idee potenzialmente interessanti.

Appunto potenzialmente in quanto perché un´idea possa essere realmente considerata valida in termini di attività d´impresa è necessario che risponda a molteplici requisiti e, in particolare, il suo contenuto principale sia vendibile, competitivo, realizzabile con i mezzi a disposizione o acquisibili e che in generale l´idea risulti essere redditizia e ... innovativa. Innovatività non significa che l´idea debba per forza essere legata ad una invenzione o a una nuova scoperta ma più semplicemente che presenti degli elementi di differenziazione a quanto proposto dagli operatori esistenti nel territorio nel quale i nostri prodotti/servizi dovranno essere venduti.

E´ estremamente importante che quando si analizza la validità della propria idea si diano delle risposte a domande molto semplici come:
  • Il prodotto/servizio che intendo offrire soddisfa un bisogno della mia potenziale clientela?
  • Lo soddisfa in modo efficace e differente rispetto agli eventuali concorrenti?
  • Le differenze che propongo risultano evidenti alla mia clientela potenziale (target)?
  • Conosco come viene realizzato il prodotto servizio e di quali attrezzature devo disporre?
  • Sono in grado di ipotizzare il costo di realizzazione del prodotto/servizio?
  • Esiste un target sufficientemente ampio da permettermi un fatturato adeguato ai costi che dovrò sostenere?
  • Ho le competenze (o i soci) adeguate per affrontare l´avvio e la gestione dell´attività?
  • Ho i capitali necessari per sostenere il primo periodo di attività?
Queste sono alcune delle principali domande che un aspirante imprenditore deve assolutamente porsi e alle quali deve essere in grado di dare risposte. Ed è fondamentale che le risposte vengano date "mantenendo sempre i piedi per terra", con uno spirito critico vivo e sorretto da una buona dose di fiducia in se stessi.

Una volta abbozzate queste risposte si passerà ad approfondirle opportunamente attraverso un percorso maggiormente strutturato e che prende il nome di Piano d´Impresa o Business Plan.